Loading...

Sub come Pinocchio, ingoiato dalla balena e poi risputato, è vivo per miracolo

Sub ingoiato dalla balena e poi risputato, è vivo per miracolo:
Non è la favola di Pinocchio, ma le dinamiche di quello che sembra un vero miracolo sono simili: un sommozzatore esperto è stato ingoiato da una gigantesca balena e poi risputato fuori.
Si chiama Rainer Schimpf, è il regista di “Dive Expert Tours”, ha 51 anni ed è letteralmente un miracolato: il sub esperto era impegnato nei pressi di Port Elizabeth, a est di Città del Capo, a riprendere pinguini, foche, delfini, balene e squali, quando all’improvviso è stato risucchiato nella bocca di una grande balena.

kika5017888_boat-on-horizon-Whale-shark-feeding-on-the-water-surface-Isla-Mujeres-Mexico-1024x683 kika4907951_Open-mouth-of-whale-shark-1024x683 kika4868213_Underwater-view-of-snorkeler-watching-whale-shark-feeding-Isla-Mujeres-Quintana-Roo-Mexico-1024x680
È avvenuto tutto sotto gli occhi impietriti della sua squadra mentre tutt’intorno le onde del mare hanno iniziato a muoversi vorticosamente in modo strano.

 

Nel giro di pochi secondi il sommozzatore è stato ingoiato nelle fauci del mammifero e poi sputato fuori e ha potuto raccontare egli stesso quei drammatici momenti, una volta tornato sano e salvo (e tutto intero) sulla barca.

 

Sub ingoiato dalla balena, le immagini da brividi
A Barcroft TV Schimpf ha confessato che in quel momento non ha avuto modo di pensare al da farsi, ma ha reagito d’istinto:

“HO TRATTENUTO IL RESPIRO PERCHÉ PENSAVO CHE SI SAREBBE IMMERSO E MI AVREBBE LIBERATO MOLTO PIÙ PROFONDAMENTE NELL’OCEANO, ERA BUIO PESTO DENTRO”.

Per fortuna che la balena lo ha liberato poco dopo e il sub regista è riuscito ad allontanarsi da là. Intanto il collega fotografo Heinz Toperczer non ha perso la calma e, con la fotocamera in pugno, ha ripreso la scena che ora – neanche a dirlo – è diventata virale.

Sub come Pinocchio, ingoiato dalla balena e poi risputato, è vivo per miracoloultima modifica: 2019-03-26T09:16:53+01:00da shopper2000
Reposta per primo quest’articolo
Loading...
2 Comments

Add a Comment