Loading...

Gerry Scotti disperato: “Ho rischiato di rimanere bloccato in…”

Gerry Scotti disperato: “Ho rischiato di rimanere bloccato in…”
Sono stati mesi difficili quelli caratterizzati dall’emergenza sanitaria, che hanno costretto tutte le attività a prendere misure drastiche. Tantissimi programmi televisivi sono stati sospesi, mentre altri sono andati in onda con le dovute precauzioni. Tra questi anche Striscia la Notizia, condotto da Gerry Scotti e Michelle Hunziker.

IM_Gerry_Scotti_1-1200x800-1

Intervistato dal Corriere della Sera, il conduttore ha quindi raccontato la sua esperienza negli studi televisivi ai tempi della pandemia, rivelando di aver avuto paura di rimanere bloccato in Polonia:
“Sono riuscito a registrare anche Chi vuol essere milionario in Polonia, rientrando due giorni prima della chiusura… chissà come sarebbe stato fare la quarantena lì”.

Gerry Scotti: “Per un momento mi sono detto…”
Il conduttore ha quindi aggiunto:

“Quando la Lombardia ha chiuso, io per un momento, mi sono detto: ‘cosa faccio’. Ci eravamo resi conto, di colpo, che il pericolo era vero e ancora sconosciuto. Così ho parlato con la mia compagna, con suo figlio che vive con noi, con mio figlio. Il mio editore è stato molto carino. Piersilvio mi ha detto: ‘Se non te la senti, non farlo: il contratto è una cosa, il nostro rapporto un’altra‘. Ho sentito anche Michelle (Hunziker, ndr.), che ha delle bimbe piccole. Quindi ho deciso”.

E così lui e Michelle sono tornati dietro il bancone di Striscia la Notizia:

“Guanti, mascherine e misurazione della febbre sono diventati automatismi. È meno facile vedere gli autori a cinque metri uno dall’altro, sarte e tecnici sparpagliati sugli spalti dello studio vuoti… perfino Antonio (Ricci, ndr.) ha rinunciato a stare in regia e si è messo lì, per farci sentire non abbandonati. I capannoni Mediaset di solito pieni di gente e ora sigillati fanno impressione”.

Gerry Scotti disperato: “Ho rischiato di rimanere bloccato in…”ultima modifica: 2020-06-04T10:54:55+02:00da shopper2000
Reposta per primo quest’articolo
Loading...

Add a Comment